Seleziona una pagina

News
November 22, 2019

Che cos’è il video storytelling e perché è importante

Il successo dei social ha imposto il video storytelling nel mondo del marketing. I marchi hanno cominciato a intuire quanto fosse importante cavalcare il trend e così si è affermata sempre di più l’ulteriore branca del visual storytelling incentrata sui video. 

Un visual storyteller ha il compito di costruire una narrazione intorno a un marchio, un prodotto o un professionista utilizzando le immagini come mezzi principali. Per immagini si intendono foto, disegni e infografiche. Nel caso in cui utilizzi un video si parla di video storyteller, ma in realtà la sostanza non cambia.

Il successo dei contenuti visuali è dovuto alla loro immediatezza. L’utente coglie subito il significato del messaggio raccontato, senza bisogno di fermarsi a pensare.

In un mondo in cui la velocità è tutto, il video storytelling riesce a raggiungere in breve tempo un numero davvero notevole di utenti/acquirenti.

I vantaggi della comunicazione visuale

La comunicazione aziendale ha bisogno di un impatto emozionale. Gli utenti desiderano identificarsi con il marchio e sentirsi emotivamente coinvolti. Per raggiungere questi obiettivi le campagne promozionali devono catturare l’attenzione, coinvolgere, emozionare, favorire l’empatia e prolungare il ricordo.

Il video storytelling è in grado di assolvere a tutti questi compiti, perché le immagini hanno un potere evocativo superiore a quello delle parole. Non a caso, sono state il primo mezzo di comunicazione usato dall’uomo.

Non solo, i video sono in grado di creare un immaginario e di raccontare una storia in cui le persone si immergono con maggiore facilità.

Se poi i video sono realizzati in maniera professionale e se il messaggio veicolato con la narrazione è potente, il tempo del ricordo diventa più lungo rispetto a quello di una campagna dotata solo di foto. Questo risultato è importantissimo, perché significa che il messaggio rimane davvero impresso nella memoria dell’utente/spettatore. Quest’ultimo cioè sarà indotto a rievocarlo ogni volta che entrerà in contatto con il brand. E se l’emozione è positiva, avrà una nota positiva anche la relazione instaurata con il marchio.

Consigli per sfruttare al meglio le potenzialità del video storytelling

Per raggiungere lo scopo dell’innalzamento dell’engagement da parte del fruitore dei video, bisogna studiare con attenzione una serie di aspetti. Le campagne di video storytelling dovrebbero cioè attenersi alle indicazioni qui di seguito:

  • immagini appartenenti alla sfera di conoscenze del target evidenziato
  • storie che sottolineino il lato umano del brand
  • costruzione del racconto secondo gli schemi narrativi classici (situazione di rottura dell’equilibrio, intervento dell’eroe/marchio e ripristino dell’equilibrio)